COMUNE DI COSTABISSARA
Piazza Vittorio Veneto, 29 | 36030 COSTABISSARA (VI)
Tel. 0444290611 | Segreteria del Sindaco tel. 0444290606 | E-mail:  | PEC: 

search
top

Il Sindaco Prof. Giovanni Maria Forte precisa la posizione del Comune sulla questione Bretella

Bretella? A certe condizioni.

Indispensabile la tutela dei residenti e ambientale.


“L’Amministrazione Comunale di Costabissara – afferma il Sindaco prof. Giovanni Maria Forte –  non e’ mai stata contraria alla realizzazione di una strada alternativa alla ex S.S. Pasubio,   che colleghi Vicenza con i paesi a nord,  a condizione che non distrugga  Costabissara e il suo territorio e non limiti drasticamente le previsioni urbanistiche relative alle opere ed ai servizi “. Il Consiglio Comunale, in data 20 luglio 2004, aveva posto le seguenti  sostanziali condizioni:

  1. La bretella deve correre in galleria artificiale coperta da prima della Zona Fornaci fino a oltre via  Piave e  dovrà  essere dotata dei più sofisticati impianti di abbattimento dei fumi;
  2. La bretella non deve presentare nel territorio del Comune di Costabissara nessun svincolo di uscita e d’entrata;
  3. Il tracciato  deve essere previsto, nel limite del possibile,  lungo le linee di confine delle proprietà,  in modo da gravare il meno possibile sulle stesse.

Il territorio bissarese, per sua natura, e’ particolarmente fragile sia sotto l’aspetto morfologico e ambientale che sotto l’aspetto urbanistico, e’ ricco di insediamenti residenziali e pubblici di particolare valore e il tracciato previsto dalla Amministrazione Provinciale lambisce due importanti  zone residenziali: a sud del paese le Fornaci e la zona delle vie dei Musicisti e piu’ a nord tutta l’area degli impianti sportivi.

Su queste aree, già destinate dal Piano Regolatore Generale, da molti anni, a zona F di interesse sportivo e per l’ istruzione, c’e’ già un  preciso programma per potenziare gli attuali impianti sportivi per trasferirvi anche i campi da calcio. Inoltre si stanno già acquisendo le aree per progettare le nuove scuole.

“Non faccio parte del partito del “non fare” come vorrebbe dipingermi la Presidente Dal Lago, nè di quello del “fare tanto per fare” che mi sembra molto di moda, ma del partito del “fare con i fatti”, basta venire a Costabissara a toccare con mano” ribadisce Forte.

Il progetto che la Provincia intende portare avanti presenta, nella zona degli impianti sportivi, uno snodo “ a trombetta” che occupa molto territorio e distrugge  uno degli ambienti più belli che Costabissara possiede.

L’ Amministrazione Comunale di Costabissara, per discutere e approfondire il problema della bretella, ha organizzato tre incontri pubblici con la popolazione, che sono stati molto partecipati e dai quali e’  emersa una seria preoccupazione per le conseguenze di una simile arteria nel cuore del paese. Anche nell’ incontro con i cittadini di Motta, che sarebbero i più avvantaggiati da una strada alternativa alla   vecchia  46,  i  Mottesi hanno espresso le loro perplessità su un progetto che sconvolge il capoluogo.

Mentre agli altri comuni interessati dal progetto Vicenza, Caldogno, Isola Vicentina, Malo, la bretella servira’ per trasferire il traffico all’ esterno del centro abitato, Costabissara sarà invece  tagliata nel cuore da un’ arteria stradale che diventerà  una strada  camionabile, in quanto più comoda ed economica della A 31 per collegare la città capoluogo con i comuni a nord.

“Costabissara – continua il sindaco –  quindi pagherà un caro prezzo per un interesse piu’ generale, a favore dell’ economia e della comunità provinciale, per cui ritengo sia legittimo pretendere che la strada venga realizzata con tutti gli accorgimenti atti a minimizzare l’ inquinamento atmosferico e l’ impatto sul territorio e sulle aree urbanizzate e un  indennizzo in opere pubbliche di interesse comunale, che compensi il disagio di avere  un cantiere aperto per diversi anni  e un’arteria di tale portata in centro  al paese.  I soldi, quando si vuole, si trovano”.

Un altro problema da risolvere subito e’ l’urgente necessità di obbligare il traffico pesante a percorrere la A 31  anzichè la S.P. 46  del Pasubio, in quanto le condizioni ambientali a Motta, frazione di Costabissara al km. 7 della ex S.S., non sono piu’ sopportabili e pregiudicano la salute dei residenti.  Se poi consideriamo che i tempi per la realizzazione della bretella, per quanto ottimistiche siano le previsioni, non saranno così brevi,  questa scelta diventa davvero urgente.

Se la politica con la P maiuscola intende percorrere questa strada, e se  gli enti interessati, i partiti e le categorie economiche sono concordi, la soluzione normativa si troverà; molti problemi del Vicentino e della Regione Veneto sono stati superati in questi ultimi anni.

Ci si domanda anche se, con la realizzazione della Pedemontana, che prevede un casello a Malo, sia  proprio indispensabile  questa nuova arteria.

Il Consiglio Comunale di Costabissara, nella seduta del 27 gennaio 2005, ha espresso l’ auspicio di aprire un dialogo costruttivo con la Provincia e, a tal fine, ha deliberato di chiedere un incontro con  la Presidente e tutto il Consiglio Provinciale.

variante_ss46_da_rios.jpg

Variante Da Rios SS46.pdf



Comments are closed.

top